truffa web

Truffe, compra un’auto su internet: la paga 3mila euro in più ed era anche più vecchia

La vittima è un 31enne di Ospedaletto Euganeo: l’uomo aveva concordato con una donna e il figlio, bergamaschi, l’acquisto di un’Audi a 15mila euro ma di fatto sborsandone oltre 18mila a seguito del raggiro.

L’annuncio su un sito di compravendita online era chiaro: 15mila euro per comprare un’Audi A4, tenuta bene e con all’attivo pochi chilometri. Un affare per un 31enne di Ospedaletto Euganeo in cerca di un’automobile.
LA COMPRAVENDITA. Immediata a quel punto la telefonata al proprietario: una bergamasca, D.G.L., di 52 anni con alcuni precedenti penali. La donna, accompagnata dal figlio 24enne, N.S., incensurato, si è presentata allora all’incontro in autostrada in provincia di Bergamo con l’acquirente per definire i dettagli dell’accordo. Il 31enne, dopo aver visionato il mezzo, deciso ad acquistarlo, ha dato il suo ok effettuando una scrittura privata e versando una caparra di 500 euro. Nei giorni successivi il giovane ha effettuato un ulteriore bonifico di 3500 euro che, però, la proprietaria del mezzo lamentava di non aver mai ricevuto. A quel punto, per non perdere l’acquisto, la vittima decide di concordare un nuovo incontro con i due, avvenuto sempre in provincia di Bergamo, nel quale versava i 14mila 500 euro restanti per effettuare definitivamente l’acquisto, completato poi dal passaggio di proprietà all’Aci.

LA TRUFFA. Qualche giorno dopo, però, la brutta sorpresa. La vittima si accorge che in realtà il bonifico di 3500 euro era andato evidentemente a buon fine: quindi la macchina era stata pagata 18mila 500 euro anzichè 15mila. A quel punto, una volta contattata, la donna ha promesso di restituire il denaro in più, ma di fatto si è dileguata. Non solo: il giovane ha deciso allora di far controllare l’automobile da un’officina. Ha scoperto così che l’Audi aveva percorso molti più chilometri di quanti in realtà non ne segnasse. Ben 94mila in più. Inevitabile la telefonata ai carabinieri che hanno denunciato i due per truffa.

 

FONTE

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *