traffico

Fatture per finto acquisto di cotone candeggiato: evasi 18 milioni di euro

UDINE – Su delega della Procura friulana, la Guardia di finanza di Udine ha svolto complesse indagini nelle province di Udine, Padova, Milano, Treviso, Venezia e Vicenza. Con perquisizioni, accertamenti bancari, riscontri contabili, verifiche sul traffico telefonico, interrogatori e altre attività, ha accertato che un’importante società di Milano, che opera nel settore della lavorazione di materiali tessili, ha utilizzato fatture relative a operazioni inesistenti, per acquisti mai avvenuti di “cotone candeggiato”, per un importo complessivo di 13,5 milioni di euro. Perno del sistema fraudolento era il ricorso a una banca con sede in Austria, a Villach, poco oltre il confine italiano, istituto usato per far transitare i pagamenti delle fatture inesistenti. In questa filiale austriaca, un imprenditore friulano aveva simulato, all’apertura del conto, di falsi poteri di rappresentanza di una società trevigiana, fornendo ai funzionari dati anagrafici diversi e documenti falsificati. Sono 7 persone indagate per reati tributari connessi all’emissione e all’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti; sono stati poi contestati reati fiscali in materia di Iva e di imposte dirette per 18 milioni di euro.

 

 

di Paola Treppo

 

FONTE

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *