Impiegata infedele ruba 50mila euro alla Camera di Commercio

La dipendente intascava i soldi per i certificati ma poi annullava gli atti. Dopo i sospetti esposto alla Procura

PADOVA – Una impiegata della Camera di commercio padovana si sarebbe intascata 50mila euro. Soldi che venivano versati dai soci per chiedere certificati. La dipendente riceveva la richiesta e il denaro. La domanda veniva annullata come se si fosse trattato di un errore, mentre i soldi se li tratteneva.

I primi sospetti sono iniziati l’estate scorsa quando i funzionari si sono resi conto che le pratiche “cancellate” iniziavano ad essere troppe. E dalla Camera di commercio è partito un esposto alla Procura. Al momento l’ammanco si aggira sui 50mila euro.

 

FONTE

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *