poliziotta

La poliziotta: «I genitori controllino i cellulari dei loro figli»

Lisa Di Berardino è una poliziotta, vicequestore aggiunto della Polizia Postale di Milano: «Nessuna violazione della privacy. E’ una questione di tutela e prevenzione»

Lisa Di Berardino è una poliziotta, vicequestore aggiunto della Polizia Postale di Milano. Nelle sue giornate di lavoro ci sono storie di pedofilia, di cyberbullismo sessuale, sexing. Spesso sono storie di minori.

«È così. È chiaro che davanti ai rischi di Internet i minori sono i più vulnerabili».

Cosa possono fare i genitori per scongiurare quei rischi?

«Costruire un legame di fiducia e rispetto con i figli, tanto per cominciare. Però ci sono anche dei ruoli e fra i ruoli di un genitore c’è quello di tutelare i figli, anche da fatti penalmente rilevanti. Questo può voler dire entrare nella sua sfera privata».

Cioè controllarla?

«Sì, ma non diamo a questo controllo accezione negativa. Parliamo di tutela e prevenzione, invece. Io voglio sapere se mio figlio scambia materiale che non dovrebbe attraverso il suo cellulare, voglio vedere i contatti della sua rubrica…»

E la privacy?

«Anche mio figlio che è un adolescente mi ha detto: mamma tu non rispetti la mia privacy. Gli ho risposto che non siamo alla pari e che io ho il dovere di controllare quello che lui fa. Chiedete a un genitore dov’è il telefonino del figlio quando va a dormire. Nessuno si preoccupa di prenderlo, lo credono al sicuro nella sua cameretta e magari lui sta mandando messaggi, foto, sta parlando con il mondo o sta vivendo un pericolo».

Perché i ragazzini si scambiano video dai contenuti sessuali?

«Perché non c’è più il senso del pudore, anzi spesso c’è una gara a mostrarsi ma il fatto è che non si torna indietro. La nostra sfida come Polizia Postale è riuscire a entrare nelle teste di questi ragazzi prima che facciano clic, dar loro strumenti per fargli dire: mi devo fermare, questo non si cancella più dalla rete. Quando la prudenza diventerà un automatismo culturale il gioco sarà fatto. Ci vorrà tempo ma ci arriveremo.

 

di Giusi Fasano

FONTE

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *