Legge 104

Legge 104 con truffa, viaggi e trattamenti di bellezza anziché assistere il padre: denunciata

Anziché assistere il padre malato a Napoli, se ne andava a fare trattamenti di bellezza ed era andata anche per tre giorni all’estero. Una dipendente delle Poste di Latina è stata denunciata per truffa da personale della Polizia di Stato e sospesa dal servizio.

La dipendente “infedele”, beneficiaria della legge 104/92, avrebbe dovuto prendersi cura dell’anziano genitore, un 80enne affetto da disabilità grave residente a Napoli. Tre giorni al mese, infatti, la donna era stata autorizzata ad assentarsi dal lavoro così come consentito dalla legge che agevola l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone con handicap.

Attraverso le tradizionali attività di indagine, supportate da quelle più specificamente tecniche, gli investigatori della Polizia di Stato hanno scoperto una serie di irregolarità: la donna, anziché andare dal padre, si dedicava ora al giardinaggio, ora a trattamenti di bellezza presso un centro estetico cittadino, infine a un viaggio di tre giorni a Bruxelles.

FONTE

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *