assenteismo

In malattia, va a lavorare nella paninoteca del figlio: denunciato per truffa dalla Coop

La Spezia – L’obiettivo di un cellulare lo ha ripreso mentre si trovava nella paninoteca del figlio, dietro il bancone, intento a controllare la cottura di hamburger e hot dog messi sulla piastra. Quel giorno, però, l’uomo, 51 anni, spezzino, dipendente Coop, risultava assente dal lavoro perché ufficialmente malato. 

Secondo i dirigenti dell’ipermercato, ciò configurerebbe un raggiro ai danni dell’amministrazione ed è per questo che nei confronti del lavoratore è stata presentata una denuncia con l’accusa di truffa.

Il fascicolo, contenente anche le immagini catturate dallo smartphone di un investigatore privato, è finito sulla scrivania del sostituto procuratore Maurizio Caporuscio che ha effettuato alcuni accertamenti sull’episodio. Le indagini non avrebbero portato a riscontri chiari, tanto che il magistrato ha chiesto l’archiviazione del procedimento.

La Coop però non ci sta, ritiene di essere stata raggirata e, tramite l’avvocato Giancarlo Bongiorno Gallegra, si è opposta alla decisione della Procura. Ora le sorti dell’inchiesta verranno decise in un’udienza davanti al giudice per le indagini preliminari che si terrà a febbraio.

Il dipendente del market, situato all’interno del centro commerciale “Le Terrazze”, dovrà fornire una propria versione dei fatti, spiegando che cosa stesse facendo quel giorno nella paninoteca del figlio.

L’amministrazione dell’ipermercato è convinta che, trovandosi in malattia, l’uomo non avrebbe in alcun modo potuto trovarsi lì.

L’indagine interna avrebbe poi confermato sospetti e segnalazioni. L’investigatore privato ingaggiato dalla Coop avrebbe redatto una lunga relazione, indicando date e orari, descrivendo la scena dettagliatamente.

Il cinquantunenne, assistito dall’avvocato Alberto Benifei, si è dovuto difendere dall’offensiva di Coop anche davanti al tribunale del Lavoro. Le immagini che lo ritraggono dietro il bancone, secondo la Procura, non configurerebbero il reato di truffa. E’ probabile che la discussione sarà lunga durante l’udienza di febbraio e con ogni probabilità il giudice si prenderà un po’ di tempo per pronunciarsi sul caso.

A quanto risulta la vicenda ha destato clamore anche all’interno del market delle “Le Terrazze”. L’uomo indagato per truffa è considerato dai colleghi un lavoratore serio e scrupoloso, quindi ritengono infondate le accuse mosse nei suoi confronti. Non è escluso che il giudice per le indagini preliminari prenda la decisione di interrogare il sospettato nel tentativo di fare piena luce su una vicenda che presenta ancora molte ombre.

 

FONTE

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *