Studente usa i social network per adescare minorenni

Uno studente di 23 anni della provincia di Venezia adescava ragazzine sotto i 15 anni su Facebook e Messanger con il pretesto di farle partecipare a concorsi di bellezza e di regalare loro un iPhone. Ma quello che inizialmente poteva sembrare un “amico” era, in realtà, tutt’altro. In cambio chiedeva alle adolescenti scatti intimi.

Le richieste diventavano via via sempre più pressanti e minacciose. Le minori, terrorizzate, avevano continuato a inviargli scatti sempre più hard.

Lo studente di Ingegneria informatica a Padova è stato così condannato a 2 anni e 4 mesi con rito abbreviato.

Per le sue richieste utilizzava lo smartphone, i pc degli Internet Point e persino quelli dell’Università dopo il sequestro del computer di casa, avvenuto in precedenza.

Il pericolo all’interno del web è reale. Grazie agli strumenti della CSZ Investigazioni, è possibile eseguire una copia forense del materiale online, utilizzabile come prova in sede di giudizio. L’intervento di investigatori privati in tale ambito può rivelarsi utile al fine di arginare tali situazioni.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *