Articoli

Insubordinazione e licenziamento

Non sono rari i casi in cui, in momenti di rabbia o nervosismo, si risponda in malo modo al proprio datore di lavoro. Spesso, tuttavia, ci si sente giustificati alla luce di un clima di tensione o da continue richieste esorbitanti rispetto al proprio contratto. Quali possono essere le conseguenze in caso di insubordinazione al datore di lavoro?  Si può essere licenziati nel caso in cui ci si rifiuti di eseguire un ordine del proprio capo? Sul punto è intervenuta più volte la giurisprudenza con una serie di sentenze che definiscono i limiti dei poteri del datore e le facoltà del dipendente. Continua a leggere

soldi

No agli alimenti ai figli che non cercano lavoro

Com’è ormai ben noto, i presupposti a giustificazione della richiesta degli alimenti comprendono lo stato di bisogno effettivo del richiedente, l’impossibilità lavorativa dello stesso ed infine la necessità che il soggetto a cui il mantenimento è richiesto possieda un reddito sufficiente per poter corrispondere gli alimenti. Continua a leggere