Stop al parametro della sentenza Grilli: nuovo calcolo dell’assegno divorzile

Secondo una recente sentenza della Cassazione, in caso di divorzio, l’assegno dovrà essere calcolato sulle basi del tenore di vita e del contributo dell’ex coniuge.

Continua a leggere

Italia: 3,3 milioni di lavoratori in nero

Sono ben 3,3 milioni i lavoratori invisibili nel nostro Paese, persone totalmente sconosciute sia all’Istituto nazionale di previdenza sia al Fisco. Continua a leggere

assegno mantenimento

La ex moglie ha un’altra relazione. Il giudice le revoca gli alimenti

MESTRE – Ventiquattro anni fa divorziava dal marito e pochi mesi dopo iniziava una relazione con un altro uomo, ma in questo lungo periodo ha sempre continuato a percepire un assegno di mantenimento. Si è laureata e ha trovato un lavoro in grado di garantirle uno stipendio dignitoso, eppure quella somma mensile non è mai mancata. Inizialmente erano 500mila lire e poi, grazie alla rivalutazione, sono diventati 377 euro.In totale  oltre centomila euro: «Quella donna ha una relazione stabile con un uomo ma da lunedì a venerdì vive a casa propria. Secondo noi è sempre stato un modo per continuare a percepire l’assegno» sostiene l’ex marito, che si è rivolto a un avvocato chiedendo e ottenendo la revoca dell’assegno.

I protagonisti sono un’infermiera di Padova e un medico veneziano, ex coniugi entrambi di 67 anni. Il medico si è rivolto all’avvocato Roberto Meggiato chiedendo al Tribunale di Padova di pronunciarsi sulla modifica delle condizioni di divorzio. Nella documentazione troviamo la situazione reddituale della donna («È dipendente Ulss e percepisce 1.600 euro al mese») ma anche i dettagli sulla relazione con l’altro uomo, un coetaneo padovano. «Il loro legame è duraturo scrive il legale La coppia condivide le reciproche abitazioni con sistematicità durante i fine settimana». Per rinforzare la tesi sono allegate le fotografie delle automobili di entrambi parcheggiate davanti alle stesse case. «Il rapporto è talmente consolidato – si legge ancora – che i due si presentano come marito e moglie e non ne fanno mistero nemmeno sui social network».

L’avvocato fa le pulci anche al compagno della donna: «Ha redditi superiori ai 60mila euro». Si arriva così alla considerazione finale: «Nonostante tanti anni vissuti assieme lei non ha deciso di modificare lo stato anagrafico: ritengo che ciò sia dovuto alla volontà di mantenere il diritto all’assegno divorzile». E la donna cosa risponde nella memoria difensiva? «Anche se ritengo infondate le ragioni poste a fondamento delle richieste, per evitare un nuovo contenzioso con l’ex marito aderisco alla sua domanda principale». L’assegno, quindi, è stato revocato nei giorni scorsi. «La materia è delicata e ogni caso è diverso commenta l’avvocato Meggiato – ma spesso assistiamo a situazioni inaccettabili».

 

 

di Gabriele Pipia

FONTE 

recupero dati

Recupero Dati

La CSZ Investigazioni si specializza e si aggiorna costantemente anche nel ramo del Recupero Dati.

Qualsiasi dispositivo, Hard Disk, Smartphone può tradirci smettendo improvvisamente di funzionare o rompendosi. Ecco perché la nostra agenzia possiede l’attrezzatura necessaria e professionale per permettere il recupero dei vostri dati cancellati.

Sarà infatti possibile recuperare:

-Registro chiamate

-Sms/Mms

-Rubrica telefonica/Contatti

-Calendario

-File multimediali

-Documenti

-Registrazioni vocali

-Chat di Whatsapp, Telegram, Facebook, ecc.

-Cronologia posizioni GPS

-E-mail

-Reti Wi-fi salvate sul dispositivo

-Ricerche effettuate dai browser

 

Recuperiamo inoltre dati da SIM, Navigatori, Tablet e Droni, senza modificare il contenuto del dispositivo che andremo ad analizzare. A seguito dell’analisi forniamo su richiesta un report finale di estrazione, con un elenco di tutti i file recuperati e/o già presenti nel dispositivo stesso.

Per informazioni non esitate a contattarci!

Insubordinazione e licenziamento

Non sono rari i casi in cui, in momenti di rabbia o nervosismo, si risponda in malo modo al proprio datore di lavoro. Spesso, tuttavia, ci si sente giustificati alla luce di un clima di tensione o da continue richieste esorbitanti rispetto al proprio contratto. Quali possono essere le conseguenze in caso di insubordinazione al datore di lavoro?  Si può essere licenziati nel caso in cui ci si rifiuti di eseguire un ordine del proprio capo? Sul punto è intervenuta più volte la giurisprudenza con una serie di sentenze che definiscono i limiti dei poteri del datore e le facoltà del dipendente. Continua a leggere